eurasia-rivista.org

inv

I sionisti si appropriano del petrolio del Golan nel silenzio generale

:::: Al-manar :::: 17 maggio, 2012 ::::  
I sionisti si appropriano del petrolio del Golan nel silenzio generale

Violando nuovamente il diritto e gli accordi internazionali, l’entità sionista ha deciso la prosecuzione degli scavi petroliferi nel Golan siriano occupato, nonostante le dozzine di risoluzioni adottate dal Consiglio di Sicurezza e dalle Nazioni Unite per decretare la nullità delle misure prese da Israele tese a mutare l’aspetto o lo statuto giuridico del Golan.

La decisione del ministro dell’Energia sionista – resa nota dal giornale Yediot Ahronot – interviene vent’anni dopo la sospensione delle esplorazioni petrolifere nel Golan, e conferma che l’entità sionista non riconosce la volontà internazionale, e in particolare la risoluzione dell’ONU n. 497 che sanciva la nullità della decisione israeliana di imporre le sue leggi e la sua amministrazione sul Golan siriano.

Ma il silenzio della comunità internazionale su questa questione, da tempo definita, lascia libero corso alle aggressioni sioniste e alla volontà rapace di appropriarsi di tutto quanto confina con Israele, anche allo scopo di cambiare la situazione demografica dei Paesi arabi occupati a dispetto di tutte le risoluzioni internazionali.

E’ da sottolineare il fatto che la flagrante violazione israeliana di tali risoluzioni – contrarie al furto del petrolio del Golan – si aggiunge a una serie di crimini commessi nel corso di dozzine di anni, fra cui l’appropiazione indebita delle risorse idriche del Golan, una vera catastrofe economica ed ecologica per i residenti.

Al-manar

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged as: , , , , ,

inv