eurasia-rivista.org

inv
LUOGHI SANTI E “STATO ISLAMICO”

L'Editoriale di Eurasia

LUOGHI SANTI E “STATO ISLAMICO” Claudio Mutti ::::

Secondo una definizione complessiva che intende sintetizzare quelle fornite dai vari studiosi, la geopolitica può essere considerata come “lo studio delle relazioni internazionali in una prospettiva spaziale e geografica, ove si considerino l’influenza dei fattori geografici sulla politica estera degli Stati e le rivalità di potere su territori contesi tra due o più Stati, oppure […]

:::: Segue »

Notizie

IDEOLOGIA “GENDER” E GLOBALIZZAZIONE

font size=”2″>L’ideologia del “genere” è funzionale alla globalizzazione. I diritti degli omosessuali sono un’arma di “distrazione di massa”. Quest’articolo è nato dall’incontro con Pro Vita, un associazione che promuove iniziative in difesa della famiglia naturale e della vita. Relatori dell’incontro: l’ambasciatore russo Aleksej Komov, del Congresso Mondiale delle Famiglie presso l’ONU e Antonio Brandi, Presidente […]

27-03-15 ::::

Mediterraneo e Vicino Oriente

L’ATTENTATO DI TUNISI E UNA MAGRA CONSOLAZIONE

I fatti li conosciamo. Più di venti morti al museo del Bardo, tra cui alcuni turisti italiani. Un paese, la Tunisia, che fino alla cosiddetta “Primavera araba” era un capolavoro di “sicurezza” per tutti. Lo posso dire per diretta esperienza, avendovi soggiornato per due volte, un mese intero, per studiare Arabo. Non fiatava una mosca […]

21-03-15 ::::

Europa

LA “NUOVA OSTPOLITIK” TEDESCA NEL CONTESTO MULTIPOLARE

Un recente articolo su “Foreign Affairs” paventa l’avvento di una “politica estera della Germania post-occidentale”. L’autore, Hans Kundnani, membro dell’European Council on Foreign Relations, presenta uno scenario futuribile in cui la Germania, sempre più legata alle esportazioni asiatiche, complice anche la situazione storica segnata dalle sanzioni contro Mosca, che la indurrebbe a riconsiderare il suo […]

20-03-15 ::::

Europa

KOSOVO, PUNTO DI NON RITORNO

I pericoli delle profondità della miniera di Trepça, luogo simbolo di uno degli scioperi più duri nella Jugoslavia del 1989, rappresentano più che l’importante complesso industriale di Mitrovica la metafora dell’attuale crisi politica in cui versa il Kosovo. Divisa dalla parte sud del fiume Ibar in cui lavorano anche minatori albanesi e quella a nord […]

::::

Cultura / Eventi

DANTE E IL SUFISMO

Dante e il Sufismo è un evento che si terrà venerdì 20 marzo alle ore 15 presso la Sala Leopoldine, Piazza Tasso, 7 a Firenze. Dante e il Sufismo è un progetto culturale e di pace a cura della Dottoressa Amal Oursana, in collaborazione con la Fondazione Camelot e con il contributo della Regione Toscana […]

13-03-15 ::::

Europa

L’ISIS IN BOSNIA? NIENTE DI NUOVO…

La Bosnia è il più grande centro di reclutamento in Europa dei combattenti del cosiddetto “Stato islamico”; non si tratta solo di bosniaci, ma anche di individui di cittadinanza tedesca, austriaca o serba. Lo ha scritto alcuni giorni fa il Jutarnji List di Zagabria, riprendendo il reportage di un gruppo di giornalisti tedeschi che di […]

::::

Română

VASILE LOVINESCU, GEOGRAFIA SACRĂ ŞI IDEEA DE IMPERIU

Singurul scriitor român citat de Jean Parvulesco printre cei treizeci şi şase care, cum ne declară el însuşi, “ont le plus compté pour [lui et] ont souterrainement nourri [son] oeuvre” (1), adică “au contat cel mai mult pentru [el şi] au nutrit subteran opera [sa]“, este Vasile Lovinescu. Vasile Lovinescu se naşte pe 17 (30) […]

11-03-15 ::::

Biblioteca

G. A. ZJUGANOV, STATO E POTENZA, A CURA DI M. MONTANARI, EDIZIONI ALL’INSEGNA DEL VELTRO, PARMA 1999

Nella convulsa fase della storia russa compresa tra l’inizio della perestrojka gorbacioviana e l’accordo di Belaveža del 8 dicembre 1991 si verificò sul piano storico-geopolitico la dissoluzione dell’ultima metamorfosi dell’impero multietnico eurasiatico guidato dalla Russia: quello sorto dalla Rivoluzione d’Ottobre e consolidatosi nell’URSS. Cause endogene ed esogene della dissoluzione del sistema federato dell’Unione sovietica imposero […]

7-03-15 ::::

Mediterraneo e Vicino Oriente

LA PORTE D’AFRIQUE. IL MAROCCO E L’UE

Nella visione geopolitico-economica dell’Unione europea il Marocco, Paese africano, mediterraneo e atlantico, è la Porte d’Afrique. Gli innumerevoli accordi bilaterali siglati dal Regno nordafricano retto dal monarca Muhammad VI offrono l’accesso ad un mercato che, nel complesso, si estende a più di cinquanta Stati, per un totale di oltre un miliardo di consumatori e con […]

6-03-15 ::::

inv